Corso Esame Avvocato

CORSO INTENSIVO ESAME AVVOCATO 2014

ultimo anno con i codici commentati

Sedi di ROMA - CAMPOBASSO - FOGGIA 

(numero chiuso MAX 60 posti)

 
PDF Stampa
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

23

Gen

2012


APPELLO CAUTELARE E GIUDIZIO SUL MERITO: INNOVATIVO GIUDIZIO DEL CDS

Consiglio di Stato, Sez. III, 16 gennaio 2012, n. 138

Alfredo Matranga

 

 

Se il TAR non fissa l’udienza di merito dopo l’accoglimento della sospensiva, il CdS può accogliere l’appello cautelare ai soli fini della fissazione del merito in primo grado, lasciando ferma sino ad allora la sospensione della esecuzione dell’atto impugnato

E’ questo l’innovativo principio enunciato dal CdS, sez. III, con la recentissima ordinanza in commento.

Peri il Massimo Organo della Giustizia amministrativa, infatti, considerato che, ad onta dell’accoglimento dell’istanza cautelare presentata in primo grado - per difetto di motivazione dell’atto impugnato - il Tar non ha fissato la data di discussione del ricorso nel merito e rilevata la necessità di una sollecita definizione nel merito della controversia - sede nella quale si dovrà stabilire se la motivazione posta a fondamento del provvedimento di destituzione sia, a confronto con tutte le risultanze istruttorie, persuasiva ed immune da vizi logici - l’appello cautelare merita accoglimento ai soli fini della fissazione del merito in primo grado con la dovuta priorità, lasciando ferma sino ad allora la sospensione dell’esecuzione dell’atto di destituzione.

 

 

Consiglio di Stato, Sez. III, 16 gennaio 2012, n. 138

(Pres. Lignani - Rel. Simonetti)

 

 

Relatore nella camera di consiglio del giorno 13 gennaio 2012 il Cons. Hadrian Simonetti e uditi per le parti gli avvocati Pellegrino e dello Stato Urbani Neri.

Considerato che, ad onta dell’accoglimento dell’istanza cautelare presentata in primo grado, per difetto di motivazione dell’atto impugnato, il Tar non ha fissato la data di discussione del ricorso nel merito;

Rilevata la necessità di una sollecita definizione nel merito della controversia, sede nella quale si dovrà stabilire se la motivazione posta a fondamento del provvedimento di destituzione sia, a confronto con tutte le risultanze istruttorie, persuasiva ed immune da vizi logici;

Ritenuto che, in tale prospettiva, l’appello cautelare meriti accoglimento ai soli fini della fissazione del merito in primo grado con la dovuta priorità, lasciando ferma sino ad allora la sospensione dell’esecuzione dell’atto di destituzione;

che vi siano giustificati motivi per compensare le spese della presente fase.

 

P.Q.M.

 

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

Accoglie l'appello, nei limiti ed agli effetti di cui in motivazione;

Compensa le spese.

La presente ordinanza è depositata presso la segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 13 gennaio 2012

Depositata in segreteria il 16/01/2012

 

 
Visite totali: 1823

Diritto e Processo Dossier

FEBBRAIO

CONTRATTO PRELIMINARE

 

Cerca Avvocato

STUDIO LEGALE Avvocato

Vincenza Lo Re 

Monza